Stella Maris Taranto, a bordo della nave sequestrata

La Stella Maris di Taranto si sta occupando di una nave sequestrata nel porto mercantile di Taranto da giorno 1 giugno 2022, “Queen Maydeda”,bandiera Libia.


E’ stata sequestrata per presunto per irregolarità sul petrolio. Se ne sta occupando la Pretura di Reggio Calabria che sta indagando con la Guardia di Finanza.

Stiamo assistendo dieci marittimi a bordo, di nazionalità e religione diversa, sei libici e quattro georgiani, musulmani e cristiani, che non possono allontanarsi dalla nave.

Stiamo facendo molti interventi a seconda delle esigenze che si presentano giornalmente ai marittimi. Ci hanno dato un supporto in viveri anche l'Associazione Noi e Voi e i volontari della Mensa di S. Pio X.

L'armatore aveva poi nominato un agente marittimo, ma a detta dei marittimi fa l'essenziale.

Stiamo continuamente a portare viveri di vario genere, prodotti per la pulizia personale, interventi per l'acqua a bordo, medicinali. Stiamo collaborando con la Guardia di Finanza che piantonano la nave 24 ore su 24 insieme con la Guardia del fuoco portuale perché a bordo c'è il petrolio sequestrato. I marittimi sono molto preoccupati per la loro situazione, di come stanno vivendo e di tutte le problematiche che ruotano intorno a questo petrolio. La Stella Maris è loro vicina per supportarli spiritualmente e umanamente. Hanno sequestrati loro anche i cellulari, non possono telefonare. E’ una piccola nave e, molto del loro tempo lo trascorrono senza far niente. Sono fumatori e vorrebbero avere sigarette, questo aumenta la loro inquietudine. Abbiamo comprato loro anche le sigarette, portato dei romanzi in inglese e dei Vangeli in inglese e lingue diverse. I militari stanno facendo delle turnazioni, anche loro sotto il sole, stando in una macchina.

Tutti cercano di dare una mano.



Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square